Per i chiusani, o per chi a Chiusaforte è affezionato, che vive o lavora lontano dal paese e che desidera dare notizia di dove si trovi o di cosa si occupi o renderci partecipi di un ricordo che lo lega particolarmente a Chiusaforte, o fornirci notizie o aneddoti di vario genere

IL CERCA SCLUSANS

Invia la solita e-mail: <cooplachiusa@libero.it>

Lucio Marcon, classe 1956, nato in Argentina ed abitante a Panama, ci fa sapere di essere un discendente della famiglia composta da Marcon Giuseppe (figlio di Sebastiano e Anna Maria Martina) e Cesare Augustina, marito e moglie, emigrati in Argentina nel 1880 assieme al fratello di lui Marcon Giacomo.
Adriano Marcon, classe1947, lasciata la natia Chiusaforte nel 1952, ci saluta da Acilia, località laziale, posta tra Roma ed il mare.
Nello Pittino, nato nel 1947 a Chiusavecchia (sot il punt da le ferovie), vive dal 1953 in Francia, vicino al confine con il Belgio.
Costantino Degli Uomini alla fine del 1951 con il padre Pietro, la madre Elisabetta Biasutto ed i fratelli
Luigi e Vittorino ha lasciato Chiout degli Uomini per emigrare in Argentina, paese che lo ospita ancor'oggi. Il nonno Costantino è stato uno dei muratori che hanno costruito il campanile della chiesa di Saletto ed il monumento che, nella stessa località, ricorda i caduti della prima Guerra Mondiale.
Buongiorno.
Vi scrivo a nome di mia mamma, Antonietta Toneatto (classe 1930), figlia di Maddalena Longhino (di madre Marcon) e Pio Toneatto.
Maddalena, mia nonna, era di Chiusaforte. Era nata in frazione Villanova, come le sue due sorelle, Anna ed Eugenia (che ha vissuto sino alla fine nella sua casetta di Volanic, che io ricordo con tanta commozione).
Maddalena ha sposato Pio Toneatto, di Faedis, ferroviere, motivo per cui la famiglia ha cambiato paese: ha vissuto a Pontebba, Tarvisio e infine a Fiume. Ma tutte le estati mia nonna Maddalena con i figli tornava a Scluse. Nel 1947, quando Fiume è passata alla Jugoslavia, tutta la famiglia si è spostata a Savona, dove siamo nati io, i miei due fratelli e 7 tra cugini e cugine, cresciuti a ninne nanne, canzoni, filastrocche e leggende friulane. 

Maria Gabriella Peirone